Parodontologia

La parodontologia è il campo dell’odontoiatria che si occupa di offrire il trattamento e la soluzione alle cosiddette malattie parodontali come la parodontite e la gengivite.

Si tratta di una branca molto importante poiché dedicata allo studio, alla cura, alla prevenzione, diagnosi, terapia e mantenimento dei tessuti del parodonto e delle sue patologie.

Da cosa è costituito il parodonto?

  • Gengiva
  • Osso alveolare
  • Cemento radicolare
  • Legamento parodontale

La parodontologia, quindi, si occupa di tutti questi tessuti che circondano ogni dente e ne assicurano la stabilità e delle malattie parodontali che minacciano la salute della tua bocca.

Si tratta di patologie che purtroppo colpiscono più della metà della popolazione di età superiore ai 35 anni e sono la principale causa della perdita di denti negli adulti. Le più famose sono la parodontite e la gengivite.

Cosa sono la gengivite e la parodontite?

Sono due malattie parodontali, causate principalmente dai batteri, che colpiscono la gengiva. Si tratterà di una o dell’altra, in base alla fase della patologia.

Gengivite: in questa fase, l’infezione colpisce solo la gengiva che risulta infiammata, arrossata e comincia a sanguinare. Se diagnosticato in tempo, questo processo è reversibile.

Parodontite: se la gengivite non viene trattata in tempo, la malattia degenera in parodontite. Oltre ai sintomi precedentemente elencati presenti sulle gengive, l’infezione penetra sotto la gengiva formando sacchetti parodontali, attaccando la radice e l’osso che trattiene il dente fino a provocarne anche la caduta. La parodontite è irreversibile e può anche influenzare negativamente alcuni aspetti della salute generale.

Come si curano le malattie parodontali?

Come detto, la gengivite e la parodontite si manifestano soprattutto quando ci sono infezioni causate dai batteri. Il primo passo per evitare, quindi, queste malattie parodontali è avere una buona igiene orale, evitare il fumo, lo stress e medicinali che possono causarle.

Ma molto spesso, anche il diabete o una predisposizione genetica aiutano l’insorgere di queste malattie. Come curarle? Il dentista effettuerà una diagnosi grazie a una sonda millimetrata che si fa penetrare tra gengiva e dente per capire quanto la malattia abbia inciso sul parodonto.

Se la gengivite o la parodontite è di poca entità, basterà solo sottoporsi ad una profonda pulizia dei denti in modo da eliminare la placca e il tartaro dai denti e dai bordi gengivali. Per casi più gravi, invece, oltre ad una pulizia dei denti, ci sarà bisogno di ricorrere a piccoli interventi chirurgici che avranno lo scopo di eliminare le infezioni e ricostruire i tessuti ormai distrutti. Se si sono già persi alcuni denti, il dentista proverà a ricostruire i denti rimasti, o a renderli idonei a ricevere una protesi.

IGIENE PROFESSIONALE

OZONOTERAPIA

È giusto condividere...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin